10 Motivi per visitare la Thailandia

1. Le scogliere calcaree di Krabi

I 150 chilometri di costa lungo la provincia di Krabi sono fiancheggiate da scogliere calcaree (karst) sorprendenti che si proiettano come funghi dal mare. Insieme con la Croazia e il Vietnam, è una delle sole tre aree del mondo dove formazioni carsiche simili a torri si estendono in mare, formando pilastri che sorgono quasi verticalmente dalle onde. Railay Beach è uno dei luoghi migliori per esplorare i karsi – Krabi Rock Climbing offre corsi per alpinisti principianti, intermedi e esperti su 631 percorsi di arrampicata (i prezzi partono da 1.000 THB per una mezza giornata). Il Railay è raggiungibile solo in barca – è possibile imbarcarsi su una tradizionale barca lunga tailandese a Krabi Town o sulla spiaggia di Ao Nang e il viaggio dovrebbe durare circa 15 minuti. Krabi offre anche un’intera gamma di bellissime località che vi invitano a rilassarsi e godersi la vita. Un punto da sottolineare sarebbe l’hotel Apasari Krabi, vicino alla spiaggia, ma in mezzo alla città in una tranquilla zona residenziale. Perfetto per una vacanza fredda e divertente.

2. Le feste della notte di Phuket

Phuket – la più grande isola della Thailandia di circa 540 chilometri quadrati si è guadagnata una grande reputazione per i suoi party, e Patong è parte centrale del divertimento. La città più grande dell’isola ospita mega-club come “Il Illuzion”, che offre piani di danza multilivello e DJ internazionali, e c’è una vasta gamma di bar che servono tutte le birre artigianali (il Craft Beer Lounge al Grand Mercure) e cocktail (i Caraibi -style Sole Mio). La bellissima spiaggia di sabbia bianca di Patong offre almeno un posto per riposare e riprendersi la mattina dopo ma potreste sempre concedervi un massaggio ai piedi e al viso in uno dei tanti centri termali della città, come So Thai Spa (i prezzi partono da 1300 THB per 2 ore).

3. I mercati affascinanti di Bangkok

Ci sono decine di mercati affollati a Bangkok, ma probabilmente i più famosi sono i notevoli mercati galleggianti. La città fu conosciuta come “Venezia d’Oriente” nel XIX secolo a causa della sua vasta rete di canali (noti come khlongs) e anche se molti furono chiusi nel corso del ventesimo secolo, sono ancora oggi usati per il viaggio e commercio. Taling Chan mercato galleggiante a Thonburi è uno dei cinque più stravaganti, potete sempre noleggiare un’imbarcazione tipica in uno dei moli vicini per dare da vicino uno sguardo agli abitanti che vendono e cucinano cibo fresco sulle loro barche tradizionali in legno.

4. Le foreste vergini di Khao Lak

Khao Lak sulla costa sud-occidentale è un luogo ideale per esplorare la natura della Thailandia. Prende il nome dalle montagne di 1.000 metri situate nel suo centro (il nome si traduce letteralmente come “Lak mountain”), Khao Lak ha tre parchi nazionali incontaminati e le sue spiagge poco affollate sono importanti rifugi per le tartarughe. Vari operatori, come Khao Lak Explorer, offrono escursioni attraverso le giungle lussureggianti e gite in kayak che attraversano le foreste di mangrovie che costeggiano la costa. Dopo un viaggio avventuroso è il momento di rilassarsi in una delle località lussuose come il Khao Lak Merlin Beach Resort.

5. Le spiagge deserte di Mai Khao

La spiaggia Mai Khao, lunga 11 chilometri fa parte del Parco Nazionale di Sirinat, per cui, a differenza di alcune delle altre località di Phuket, è ancora oggi risparmiata dal turismo di massa. La forte corrente la rende pericolosa per nuotare, ma perché si affaccia a ovest, offre un posto meravigliosamente tranquillo per guardare il sole e ammirare le stelle.

 

6. Il grande palazzo di Bangkok

Il Grand Palace (ingresso 500 THB, aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 15.30) è stato costruito come una casa per i re di Siam nel 1782 e comprende una miriade di palazzi mozzafiato sparsi su una superficie di oltre 200.000 metri quadrati. Molta di essa è chiusa al pubblico, ma i visitatori possono ancora visitare alcuni parti del palazzo, così come quattro edifici illustri. La Grand Palace Hall, completata nel XIX secolo, è il più grande edificio e comprende un mix di architettura italiana rinascimentale e tailandese, le guglie d’oro sul tetto sono un esempio sorprendente di quest’ultimo. Nel frattempo, il tempio del Buddha smeraldo ospita un’immagine del Buddha scolpito interamente da un solco di jadite verde. I visitatori devono tenere ben presente che esiste un codice di abbigliamento rigoroso per il palazzo, le gambe e le braccia devono essere coperte, e nessun sandalo è consentito.

7. Massaggi tradizionali tailandesi sulla spiaggia di Kamala

Kamala offre un’alternativa rilassante alla frenetica vita notturna di Patong a sud. Questo villaggio di pescatori ha una bellissima spiaggia di 2 chilometri che è circondata da colline alberate e il ritmo della vita è generalmente molto più lento rispetto a quello di Phuket. Vista la sua aria rilassata, troverete molti posti per indulgere in un massaggio tradizionale tailandese, con diverse capanne da massaggio che si allineano alla spiaggia. Ma se vi dirigerete un po’ più all’interno, troverete la Home Massage Kamala (75/2 Rim Hat Road) che offre i propri servizi ad ottimi prezzi.

8. Le isole deserte del parco marino nazionale di Koh Phi Phi

Il parco marino di Koh Phi Phi è ricco di isole deserte che sono piene di piscine di roccia e di cascate pronte per essere esplorate, così come la vita marina mozzafiato che troverete sotto le onde. Visto che è un parco nazionale protetto, è necessario prenotare un viaggio con un operatore ufficiale: Blue View Divers offre un viaggio di due giorni per 2,500 THB in modo da poter esplorare le barriere coralline e le pareti del parco. Aspettate di vedere tutto, dalle tartarughe di Hawksbill ai cavallucci marini, e magari anche uno squalo di leopardo innocuo o due.

9. Il famoso Buddha di Wat Pho

Conosciuto anche come il Tempio del Buddha di Recline, Wat Pho è uno dei templi più grandi e gli edifici più belli di Bangkok. Il tempio originale risale al XVII secolo e i suoi giardini sono macchiati di guglie d’oro e sculture ornamentali. Ma al suo interno si cela il vero tesoro: una statua di circa 46 metri, del Buddha, uno dei più grandi della Thailandia, completo di piedi intarsiati con la madreperla. La sua posizione rappresenta Buddha che entra nel Nirvana e termina il ciclo della reincarnazione, ed è fiancheggiata da 108 ciotole di bronzo che rappresentano i 108 personaggi promettenti del Buddha. Lanciate una moneta nelle ciotole si dice porti buona fortuna, ma allo stesso tempo aiuta anche a raccogliere fondi per il mantenimento del tempio.

10. Le acque turchesi di Ao Nang

Le acque di Ao Nang a Krabi si illuminano di una tonalità turchese formidabile nella stagione secca. Che unite alle sue spiagge con sabbie bianche, presentano una delle bellezze naturali più sublimi dell’intera Thailandia. Le acque possono diventare un po scure durante la stagione bagnata, mentre le sabbie vengono sollecitate dai monsoni, ma tuttavia grazie ad una barca locale dirigendosi verso una delle isole vicine ci si può ancora godere l’acqua pallida e limpida tutto l’anno.

Se avete trovato almeno tre motivi per visitare questa fantastica destinazione allora non vi resta che contattarci per scoprire quante altre risorse ha da offrire questa splendida destinazione e partire con I Viaggi dell’Imperatore alla conquista del vostro mondo.

Related Posts